Vinsanto Art Space 2001

Si evince dalla Teogonia di Esiodo e da alcuni frammenti della Titanomachia che gli dei riuscirono a battere i Titani solo dopo l’alleanza stretta con i ciclopi e gli ecatonchiri (i giganti dalle cento braccia); in particolare Zeus, dopo aver liberato i ciclopi ricevette da essi, come segno di gratitudine, le folgori, lo strumento più micidiale.

Sono sicuro che le viti nane di Santorini crescano nei minuscoli crateri scavati dai lapilli di queste folgori perché sembra proprio essere l’isola di Santorini, il luogo dove è avvenuta la riscossa di Zeus sui Titani. Agli uomini, subtitani, non rimane che coltivare questi minuscoli crateri dove la vite si intreccia a nido e si intrica a rovo. Si comporta quasi da pianta grassa: capace di trattenere fino all’ultima goccia d’acqua contro il sole battente, il vento eradicante e l’afa soffocante, un’afa non del tutto deleteria perché di notte diventa nebbia salvifica per le viti.

Non si improvvisano viticoltori da queste parti: una tradizione che risale a 4000-5000 anni fa, certo, con probabili lunghe interruzioni, ma con un interesse per il vino mai avverso. La cantina che ho visitato si chiama Art Space ed è in realtà una cantina-galleria, probabilmente pensata per intercettare al meglio i turisti frettolosi che popolano l’isola, ma che contiene opere d’arte contemporanea greca imperdibili (si veda in particolare il post impressionismo di Andreas Kontellis). E’ una cantina di nicchia con una produzione vinicola limitata (10.000 bottiglie), riservata ai visitatori e ai clienti diretti, dove protagonista è l’Assyrtiko, il varietale a bacca bianca più versatile della Grecia che su quest’isola ha trovato condizioni ottimali di adattamento. 

Arrivo il 15 agosto, ovvero l’ultimo giorno della vendemmia 2013! e provo questo Vinsanto 2001; la ricetta è semplice: 90% di Assyrtiko (alcuni filari coltivati con primi timidi tentativi di guyot) e il taglio restante con i varietali di Aidani e Athiri, una cuvée in grado di sostenere alcolicamente e dolcemente la freschezza del primo uvaggio. La folgore di Zeus rutila di un giallo eclisse; al naso si presenta un bouquet agrumato di straordinaria acidità per un passito, poi segue l’incontenibile mineralità di morbida pietra focaia e di dolce potassio di roccia vulcanica; c’è l’anima passita della melassa, dei fichi secchi, delle ciliegie marasche, ma il bello arriva sul finale, quando si alza il sipario degli aromi terziari, non solo cioccolato, non la botta del caffè, ma idrocarburi melliflui equilibrati che rendono l’invecchiamento degno di essere ascoltato in silente rapimento.

Spero che i fratelli greci perpetuino la tradizione del Vinsanto così come viene preservata nella Magna Grecia, che tutelino questo terreno, patrimonio dell’umanità, un suolo vulcanico, forse ironico e forse ozioso perché disposto ad aspettare che tutto venga annientato non dalle forze della natura, ma dall’uomo che di qui passa spensierato, veloce e distruttivo come un lapillo.

image

(foto da “Il cucchiaio d’Argento”)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...