Champagne BROCHET-HERVIEUX 2000

brochetLa goccia spande e rattrappisce, le lacrime sono particolarmente oleose a una certa età. Ha settantacinque anni ed ha appena posato la rosa del compleanno sulla tomba di sua moglie. L’ha persa due anni fa e ora sono le dieci di mattina.

Il suo migliore amico gli arriva alle spalle e apre una bottiglia di Champagne Brochet-Hervieuz 2000. In questi due anni non mai ha avuto il coraggio di parlare del lutto con lui, ma ora posa un calice sulla tomba della moglie del suo amico, versa a lei il primo bicchiere, il secondo al suo amico vedovo e il terzo è per lui.
-E’ pur sempre il nostro compleanno: lei avrebbe voluto così, festeggiare insieme noi tre. Stesso giorno, non ricordi?
Il vedovo trae la forza di sorseggiare e in questo gesto risiede già il miracolo di un brindisi. Le circostanze per un tintinnio di flûte si trovano facilmente, ma tanto meno sono opportune, tanto più si “rischia” un brindisi autentico.
There she stands, this lovely creature
There she stands, there she stands
With her hair full of ribbons
And green gloves on her hands
So I asked this lovely creature
Yes, I asked. Yes I asked
Would she walk with me a while
Through this night so fast
She took my hand, this lovely creature
“Yes”, she said, “Yes”, she said
“Yes, I’ll walk with you a while”

E il buio dell’incontro diventa un nero mica cangiante che si dissolve e rende tutto vischioso e brillante. Il perlage è fine e teso, solido nella sua verticale che non casca né si lascia andare, si avvinghia alla tela dell’uvaggio e penetra in superficie che quasi la incendia e diventa impermeabile all’ossigeno, rendendo permeabile tutto il vuoto attorno.
La Mousse è solida e sottile, incredibilmente duratura la ténue che riflette un cordon perenne nella bottiglia. Il colore è ambrato tendente all’oro anticato; i riflessi all’aria aperta sono proditori: il sole mattutino filtra con lucine ramificate che si sintonizzano in un fascio lunare quasi evanescente. E’ qui che il vedovo realizza il differenziale di evanescenza di una bolla di champagne con la vita umana e quel bicchiere che rimane posato sulla lapide, vorrebbe essere bevuto da una bocca enorme senza consistenza o forse alzato da una mano esile, magari in guanti verdi.

When I got home, my lovely creature
She was no longer with me
Somewhere she lies, this lovely creature
Beneath the slow drifting sands
With her hair full of ribbons
And green gloves on her hands

Ci ritrova una mela golden, una punta di burro, una crosta di pane morbida e il profumo di sansa; la chiusura è incorniciata in un tocco di anice e una punta di menta. Perfetta armonia e vitalità. Di più: capisce che solo l’estatico ossia l’effimero che lascia senza parole, può interrompere il dolore e un amico può possedere il machete che apre il sentiero della consolazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...